2013 Legal Research Studio Legale

ROMA 

Via Virginio Orsini, 19

T: 06 32651435

F: 06 32651711

Contatti
Socializza 

MILANO

Via Medici, 15

T: 02 84572254

PALERMO

Via Sciuti, 103

T: 091 6252454

OdV ex d.lgs. 231/2001, dichiarazione sul possesso dei requisiti e soccorso istruttorio

19/10/2018

L’art. 80, comma 3, del d.lgs. 50/2016, così come modificato da decreto correttivo n. 56/2017, impone l’onere di dichiarazione sul possesso dei c.d. requisiti generali anche per i «membri degli organi con poteri di direzione o di vigilanza o dei soggetti muniti di poteri di rappresentanza», tra cui rientrano anche i componenti l’Organismo di Vigilanza previsto dall’art. 6 del d.lgs. n. 231/2001, come già chiarito dall’ANAC (Comunicato del Presidente dell’8/11/2017).

Con la sentenza n. 9701/2018, il TAR Roma ha confermato tale principio, ma ha di fatto concluso che l’eventuale omissione di tale dichiarazione rappresenta una mera mancanza formale, sanabile attraverso la procedura di soccorso istruttorio ex art. 83, comma 9 del d.lgs. n. 50/2016.

La pronuncia merita particolare attenzione con riferimento alla concessa possibilità di sanare l’omissione in questione anche in corso di giudizio, attraverso il cosiddetto “soccorso istruttorio processuale”, che consente: (a) da un lato, all’operatore economico di dimostrare in giudizio il possesso del requisito e di andare quindi incontro all’esclusione per una mera carenza formale, consistente nell’omessa produzione in gara della dichiarazione sostitutiva sul possesso dei requisiti generali in capo ad un determinato soggetto (nella specie, i componenti l’OdV); (b) dall’altro, al giudice di sostituirsi alla stazione appaltante in attività di valutazione vincolata, come quella che attiene la sussistenza o meno del requisito in parola, a prescindere dalle semplici irregolarità formali riscontrate in gara (ex multis Cons. Stato, n. 3483/2018 e n. 975/2017)

Nel caso di specie, il TAR ha quindi ritenuto che non dovesse essere esclusa l’impresa che, in sede di partecipazione, pur dando atto dell’esistenza dell’Organismo di Vigilanza, non aveva tuttavia allegato la dichiarazione ex art. 80 d.lgs. 50/2016 dei relativi componenti, consentendole di produrre in giudizio la dichiarazione omessa al fine di dimostrare il possesso dei requisiti ex art. 80 anche da parte di tali soggetti.

 

La sentenza del TAR Roma n. 9701/2018  è consultabile al seguente link

 

* Il presente approfondimento ha il solo scopo di fornire informazioni di carattere generale. Di conseguenza, non costituisce un parere legale né può in alcun modo considerarsi come sostitutivo di una consulenza legale specifica.

Please reload

Post in evidenza

Le società partecipate dopo il correttivo 2017

21 Sep 2017

1/3
Please reload

Archivio
Please reload

Seguici
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • Google+ Social Icon